Archivi tag: informazioni

La maggior parte dei problemi sta tra la sedia e il monitor (cit.)

Il titolo viene da una frase non mia ma che non mi ricordo dove ho letto, di certo è vera!
Io per primo ricordo diversi episodi in cui ho comesso errori talmente stupidi da perderci poi ore per venirne a capo, quando poi la soluzione era li sotto al naso.
Ho provato ad installare Kubuntu 10.04, tutto va bene, configuro la mia stampante wi-fi che so che funziona benissimo sotto Ubuntu.
Uso però la procedura veloce: con Kpackegkit (equivalente KDE di Synaptic) scarico i driver per la mia stampante, poi vado su Menu>impostazioni di sistema>stampanti, seleziono il modello, inserisco l’indirizzo di rete della stampante, “vuoi stampare una pagina di prova?”
La stampante non funziona, comincio a imprecare, ma poi mi dico che se l’avevo installata in cinque minuti con Ubuntu, non può essere così diverso in KDE: cancello e ripeto la procedura! Niente di nuovo!
Provo ad inserire l’IP nel browser: dovrebbe vedersi l’interfaccia della stampante (così è se configurata giusta), ma niente: il solito messaggio: “Il server xxx.xxx.xxx.xxx sta impiegando troppo tempo a rispondere”.
Comincio a googolare: “stampante wifi kde”! Mi ritrovo alcune discussioni in vari forum su come KDE abbia qualche bug col gestore delle reti wireless! Sembra che in molti non utilizzino kdenetwork, installato di default, ma wicd che da meno problemi!
Penso che forse Kubuntu non è Ubuntu: usa interfacce diverse e programmi diversi, anche se la base è la stessa.
E cosa faccio? Vai di disinsinstallazione e reinstallazione fino a quando mi viene un dubbio!
Chi ha indovinato?
Ho inserito l’IP della stampante a memoria, invertendo ogni volta due numeri: Kubuntu non mi vedeva la stampante perchè dove gli dicevo io di cercare non c’era nessuna stampante!
Morale della favola: prima di dare del buggato al sistema, accertiamoci di non avere noi dei bug!

Annunci

Linux e l’open-source (La rete cattura!)

Sembra una banalità, ma se vi leggete i miei post precedenti, potete capire che ormai i tempi sono maturi.
Da parecchi anni si dice che l’auto elettrica sostituirà i motori a combustione, ancora non è così, ma ormai è evidente a tutti che ci dovrà essere una evoluzione dei mezzi di trasporto!
Così è per i computer, da anni si dice che Linux farò il C**o a tutti! Cosa pensate? che non è così!
Si ancora non lo è, ma di sicuro è un OS con le OS maiuscole: viene usato in uno dei navigatari più diffusi, nei cellulari di ultima generazione è in ascesa continua.
L’ immagine riportata qua sotto è tratta dal rapporto annuale di Eclipse, uno dei sistemi più diffusi per sviluppare software per qualsiasi piattaforma. Trovate il documento completo a questo link.

Dalla mia esperienza personale, credo che questo sia dovuto principalmente alla diffusione di internet e della banda larga: quello che io non trovavo 10 anni fa, ora lo trovo.
Eh che cosa direte voi?
Prima di tutto siti come questo, dove persone che hanno già provato, indicano i passi da compiere per avere un sistema stabile, La possibilità di scaricarsi una distribuzione in meno di 20 minuti, di provarla senza fare danni di riportare bugs o problemi su Launchpad o sul forum ufficiale di Ubuntu.
Insomma, quello che è cambiato è che c’è più gente che usa, fa test, trova problemi e bugs, ma anche c’è più gente che li risolve e che comunica più facilmente le soluzioni possibili, più programmatori che riescono a scambiarsi informazioni più velocemente, venendo incontro ai problemidi tutti.
Io uso Ubuntu ormai da mesi tutti i giorni, così come uso tutti i giorni un cellulare Android: adesso si può fare!
Il fenomeno internet farà crescere ancora di più il vantaggio dei sistemi Linux, basta pensare che è il sistema più usato per i siti più in voga (Facebook, wikipedia…).
Anche WordPress, che mi permette di scrivere qui, nasce grazie all’open-source, se vi va potete controllare facilmente su wikpedia: WordPress.
Insomma Linux e l’open-source sembrano fatti su misura per la rete globale!