Archivi del mese: febbraio 2011

Sempre più open-source?

La domanda sorge spontanea.
Prima di tutto il successo di Android, piattaforma con Kernel Linux su cui gira una macchina virtuale chiamata Dalvik

Questo successo ha forse convinto i produttori a sfruttare la moda “open”: già molti produttori utilizzano Kernel Linux modificati per i loro dispositivi più svariati, dai frigoriferi, ai videoregistratori, dalle slot-machines agli ultimi televisori 3D.
Quello che forse mancava era proprio un utilizzo su dispositivi così interattivi come gli smartphone.
Google ha dato una forte spinta, in molti hanno cercato di seguire la scia: Maemo, Moblin e Meego di Nokia/Intel (che sembrano arenati), per arrivare a Bada (non è open, ma parte da bsd) di Samsung già realtà.
Anche un altro grande produttore come HP dopo l’acquisizione di Palm sembra voler sfruttare a pieno questa moda con il suo nuovo Webos (in parte open, in parte closed) con tre dispositivi molto interessanti appena presentati:

Continua a leggere

Annunci

Android virtualizzato su Ubuntu

Siccome da tempo si sta sviluppando una versione di Android per processori intel atom, mi è venuta l’idea di provare.
Sul sito dedicato al progetto viene spigato come fare, ma l’HowTo dice che il procedimento è testato solo su windows XP e su Fedora11.

Allora scarichiamo il file android-x86-2.2-eeepc.iso
Per l’installazione di virtualbox e delle configurazioni rimando a questa guida molto completa del Muflone.

Ora avviamo Virtualbox e clicchiamo su Nuova

Continua a leggere